MASCHI CHE ODIANO LE DONNE

Novanta donne sono state ammazzate dall’inizio dell’anno, più due uomini e tre bambini come vittime collaterali. Praticamente una ogni due giorni.
Le donne assassinate dalla violenza “domestica”(quelle dei famosi delitti “passionali”, o “d’onore” come si chiamavano fino al 5 settembre 1981) che noi contiamo sono solo quelle di cui abbiamo notizia, dato che non esiste in Italia un osservatorio o un’altra struttura simile su questo fenomeno.

Uccise perché cercavano di scappare a situazioni insostenibili, perché c’erano riuscite o ci avevano solo provato. E poi ammazzate la seconda volta quando i giornalisti giustificano l’assassino, sprecando espressioni come “raptus di gelosia” “incapacità di reagire all’abbandono della moglie” o cercando di suscitare empatia nei suoi confronti; non spendendo una sola parola sul dramma di essere importunate, controllate, seguite o aggredite vissuto dalle mogli, fidanzate, compagne di questi uomini violenti. Loro sono solo quelle che abbandonano uomini fragili, quelle che hanno la presunzione di rifarsi una vita e quindi sotto sotto se lo meritano pure. Ogni volta si sottolinea l’assoluta eccezionalità del fatto: è sempre un raptus di follia del singolo senza correlazione con gli altri delitti analoghi.

Perché non c’è la volontà di andare oltre: chi ha armato la mano dell’assassino? È la cultura nazionalista, razzista, sessista e in definitiva fascista da cui siamo circondati. Quella che “tranne mia madre e mia sorella sono tutte puttane”, fa ritenere un rapporto di coppia un rapporto di possesso e la gelosia una dimostrazione di amore. Lo stesso ambiente che fornisce terreno fertile per l’approvazione di nuove leggi securitarie per militarizzare ancora di più il territorio e rispondere alle esigenze delle persone con la repressione. Si stanno preparando ad ammazzarle la terza volta: quando in nome di quelle donne (mogli, fidanzate, compagne) sarà approvata una legge che inasprisca le pene (e già i rigurgiti giustizialisti non sono mancati in questi giorni) e continui ad alimentare quella cultura autoritaria che ogni due giorni uccide una donna.

La risposta alla violenza maschile non è aumentare la violenza dello Stato, che ne trae vantaggio sia per giustificare il suo controllo sulle nostre vite con la scusa della “sicurezza”, sia perché l’oppressione patriarcale è funzionale allo Stato, fornendo una repressione capillare e demandando ad ogni maschio la funzione di “poliziotto” della propria moglie, fidanzata, compagna.
Non possiamo aspettarci che dall’alto cali la soluzione, o che questa passi dalle aule dei tribunali. Siamo noi in prima persona a dovere fondare culture e relazioni che siano liberate e liberatorie da tutte le oppressioni, per un mondo di libertà ed eguaglianza!

Spazio di Cultura Libert’Aria

This entry was posted in Antisessismo. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *